Regione Piemonte, nuovo bando per la sostituzione di stufe e caldaie a biomassa

Condividi

Il nuovo bando concede un cofinanziamento cumulabile con il Conto Termico per sostenere i cittadini nell’acquisto di generatori di calore a biomassa meno inquinanti ed energeticamente più efficienti in sostituzione di generatori a biomassa obsoleti

Questo è un titolo

Un nuovo e importante passo avanti nel processo di stimolo al turn-over tecnologico per la sostituzione dei vecchi apparecchi di riscaldamento domestico a legna e pellet che rappresentano la principale fonte di polveri sottili”.  

Annalisa Paniz

Annalisa Paniz Direttore generale di AIEL – Associazione italiana energie agroforestali commenta così la pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione Piemonte del nuovo bando che prevede un co-finanziamento per i privati cittadini che intendono rottamare una vecchia stufa o caldaia a biomassa legnosa per sostituirla con un nuovo generatore di calore certificato ed energicamente più efficiente, alimentato sempre a biomassa legnosa, con potenza al focolare inferiore a 35 kW.  

La misura, presentata nel corso di un evento on-line organizzato dalla Regione Piemonte in partnership con AIEL, Progetto Fuoco, Progetto Leno, progetto Lifeprepair, Uncem è particolarmente importante perché concretizza l’impegno inserito nella roadmap del Libro Bianco AIEL “Rottamare ed educare” che punta a stimolare l’uso degli strumenti incentivanti nazionali già esistenti come il Conto termico, attraverso l’abbinamento con bandi regionali dedicati al sostegno del turnover tecnologico, in particolare nelle Regioni del Bacino Padano, maggiormente afflitte dal problema della qualità dell’aria. 

Il nuovo bando a sportello presentato dalla Regione Piemonte contribuirà a garantire il miglioramento della qualità dell’aria e una maggiore efficienza energetica del parco installato, attraverso la concessione di un contributo economico a fondo perduto, fino ad esaurimento delle risorse disponibili, che verrà riconosciuto in aggiunta al finanziamento assegnato dal GSE e conseguito con il “Conto termico” nell’ambito della linea di intervento 2.B, non oltrepassando la quota massima di copertura dell’investimento.

Il contributo regionale a fondo perduto, che si aggiunge al finanziamento conseguito con il Conto termico, ammonta a 1.500 € per stufe e termocamini e a 3.000 € per le caldaie, mentre la dotazione iniziale complessiva del bando risulta pari a € 8.961.000,00 in tre anni. La partecipazione al bando è aperta a tutti i cittadini residenti in Piemonte, proprietari delle unità immobiliari per cui viene richiesto il contributo e che da essi vengono utilizzate come abitazione principale. Al momento della presentazione della domanda occorre dimostrare di aver già ottenuto l’incentivo Conto termico.

Elemento vincente di questa misura è la sua cumulabilità con l’incentivo assegnato nell’ambito della linea di intervento 2.B del Conto Termico gestito dal GSE che riconosce incentivi per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficientamento energetico di piccole dimensioni – spiega Valter Francescato, direttore tecnico di AIEL che ha seguito in questi mesi i lavori di predisposizione del bando –. Si tratta quindi di un provvedimento importante, sia per favorire il turnover tecnologico che per rilanciare l’incentivo Conto termico, ancora poco utilizzato e conosciuto dai cittadini. Da questo punto di vista, l’unico accorgimento da tenere a mente è che la somma tra il contributo regionale e il contributo del Conto Termico non superi il 100% della spesa ammessa dal GSE”. 
Vanno ricordate infine anche le prescrizioni finalizzate ad implementare il catasto regionale degli impianti termici con l’obbligo di registrazione del generatore a biomassa e l’obbligo di utilizzare solo biocombustibili legnosi certificati. Misure importanti per consentire di conoscere la reale consistenza del parco generatori installato e per garantire la massima efficienza nel tempo degli apparecchi.  
              
Tutte le info relative al bando e alle modalità di presentazione sono consultabili sul sito della Regione Piemonte, così come il testo completo del bando

EVENTO DI PRESENTAZIONE
Per presentare il bando e le sue caratteristiche agli operatori e ai cittadini, Regione Piemonte insieme ad AIEL ha organizzato un evento online giovedì 22 luglio dalle ore 10 alle ore 12. È ancora possibile vedere la registrazione dell’evento sia su Youtube sia su Facebook.

I FILE DELLE PRESENTAZIONI SONO SCARICABILI QUI.